Under Griffon Wings

Mi piace questo Under Griffon Wings. Il progetto Life, finanziato dalla Comunità Europea nell’ambito del nuovo Programma per l’ambiente e l’azione per il clima (Life 2014-2020), ha come obiettivo principale il miglioramento dello stato di conservazione del grifone in Sardegna. Prevede, tra le varie cose, l’istituzione di carnai aziendali e l’introduzione di 60 esemplari nelle aree in cui tuttora avviene la riproduzione: le pareti a picco sul mare di Capo Caccia (Alghero) e la costa di Bosa. Entrambe queste due aree fanno parte della rete ecologica europea Natura 2000 (Zona di Protezione Speciale, Sito di Interesse Comunitario, Parco Regionale), dedicata proprio alla conservazione della biodiversità. Ricordo ancora come a Creta o in Spagna, i grifoni siano numerosi e facciano parte del fascino del luogo. Vederli veleggiare e salire sfruttando le correnti è uno spettacolo incredibile, richiama appassionati della Natura e conferisce un aspetto primitivo, di profonda autenticità, ai luoghi.

In quest’angolo di Sardegna purtroppo il numero dei grifoni si è ridotto a 130 esemplari, un livello critico per la conservazione della specie. L’importanza di questa popolazione sarda di grifoni riveste anche una valenza genetica molto importante in quanto è l’unica colonia naturale presente in Italia.

Il momento più delicato dell’avifauna è da sempre quello riproduttivo, è per questo che decidono di costruire i nidi nelle pareti di roccia, le più difficili da raggiungere da parte dei potenziali predatori. Le parate nuziali e l’allevamento del piccolo, che nascerà dal singolo uovo, si svolgono da dicembre/gennaio sino all’estate. In caso di disturbo da parte dell’uomo la coppia può abbandonare il nido e il povero piccolo…

Esistono diverse leggi di protezione delle specie, regionali, nazionali ed internazionali, la stessa istituzione di aree parco, SIC e ZPS avviene proprio in funzione dell’elenco di queste specie e degli habitat di interesse comunitario. Con l’istituzione di queste aree viene manifestata alla Comunità Europea la volontà di indirizzare quell’area verso la protezione della Natura e lo sfruttamento delle sue risorse. L’idea è quella di valorizzarle sensibilizzando le persone e permettendo alle specie più a rischio di vivere indisturbate.

Credo che comprendere che in questo periodo la specie abbia necessità di sentirsi sicura e non vada disturbata, sia più importante del fatto che esistano delle sanzioni e delle severe leggi di tutela sull’avifauna rupicola. In Canada dicevano con orgoglio “Siamo noi che viviamo nella terra degli orsi”, chissà che anche quà in Sardegna un giorno si possa dire con altrettanto orgoglio “Siamo noi che viviamo nella terra dei grifoni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: